chi siamo

&

Lo spirito della nostra casa?

Offrire e ricevere ospitalità, amicizia, piacere di condividere.

Quando abbiamo deciso di aprire la nostra casa a chiunque avrebbe voluto condividere con noi l’esperienza di una vacanza, tanti erano scettici al riguardo: avere sconosciuti per casa non è così normale per i più. Per me e mio marito è stato molto semplice, essere cresciuti in una casa in cui l’ospite era benvenuto a tutte le ore ci ha facilitato. Se capitava all’ora del pranzo lo si invitava a sedere e a condividere la tavola. E una chiacchiera tira l’altra, conosci persone  che ti arricchiscono dentro, culture diverse, amici nuovi. Elia e Alice, i nostri figli, si sono abituati a scendere in pigiama senza imbarazzo, e scambiare due parole o dividere i giochi con altri coetanei  li ha aiutati ad aprirsi al prossimo, a non avere pregiudizi e preconcetti. Mio marito Bruno è cuoco e spesso è fuori casa per lavoro così tocca a me l’onore di preparare una ricca colazione per gli ospiti. Così come posso offrire loro il mio aiuto con informazioni turistiche e pratiche su Ferrara e sul territorio che vorrete visitare.

Dal 2013 vive con noi anche un bellissimo pastore tedesco, Zoi, una cucciolona con tanta voglia di giocare. E non mancano neanche i gatti, presenza costante nella nostra vita da sempre: Filippina, Lillina, Stellina e la loro mamma..

Cosa avrete quando tornerete a casa?
Emozioni da raccontare a chi come voi cerca una vacanza vera!

cosa visitare

&

ferrara

Ferrara città del rinascimento e il suo delta del po sono riconosciuti dall’Unesco come patrimonio dell’umanità. Ferrara, esemplarmente progettata nel Rinascimento, conserva  il suo centro storico intatto.

Ferrara è una città da vivere passeggiando per le sue strade, scoprendo in ogni angolo il suo carattere di magnifica capitale del Rinascimento e cogliendo da questo glorioso passato le ragioni del suo presente.

Le memorie storiche accompagnano con discrezione il visitatore ovunque egli vada, nei palazzi sontuosi come nelle viuzze medievali, per esplodere una volta all’anno nei colori e negli antichi suoni del palio di San Giorgio. Città d’acqua, disegnata nei secoli dal Po, Ferrara resta intimamente legata al suo fiume: nel disegno delle strade come nel moderno porto turistico realizzato alla darsena di San Paolo, oppure nel reticolo di canali che la circondano fino al Mare Adriatico, là dove si estende il grande parco del Delta del Po con i suoi boschi, le sue pinete, le valli e i modernissimi Lidi. Un’atmosfera tutta speciale si può cogliere nel centro, fra i negozi e i caffé, dove il ritmo della vita sembra dettato dal passaggio silenzioso di centinaia di biciclette. Oppure nei tanti giardini piccoli e grandi, nei chiostri e nei cortili il cui silenzio si interrompe solo nelle sere d’estate per raccogliere Aterforum e i suoi concerti, continuatori dell’antica tradizione della musica ferrarese assieme agli spettacoli di altissimo livello del Teatro Comunale e dell’Associazione Ferrara Musica. E ancora sempre dalla musica nasce ogni anno la festa più grande: quella dei Buskers, i cui ritmi invadono per sette giorni le strade e le piazze, per la gioia di migliaia di ammiratori. Gli amanti delle arti figurative non potranno perdere le grandi mostre del Palazzo dei Diamanti, dove si sono succeduti Dalì, Mirò, Chagall, Canaletto e altri; oltre al Museo Boldini che raccoglie una ricca collezione delle opere dell’artista. Così tra occasioni piccole e grandi, ciascuno può ritrovare quello che cerca: l’arte, la tradizione, i mercati, le fiere ed i congressi, il folclore e la cucina, e altro ancora, in una città che molto suggerisce al visitatore, senza nulla imporgli.

Mura di Ferrara
Mura di Ferrara
Castello di Ferrara
Castello di Ferrara
Palazzo Schifanoia
Palazzo Schifanoia
Duomo di Ferrara
Duomo di Ferrara
Palazzo dei Diamanti
Palazzo dei Diamanti
bologna

Il capoluogo dell’Emilia Romagna appare come una città dal multiforme aspetto. Bologna la “turrita”, irta di torri e di campanili, Bologna la “grassa”, santuario della buona cucina, Bologna la “dotta”, celebre per la sua Università, la più antica d’Europa. I suoi numerosi portici sono stati il cuore della cultura e del commercio della città.

L’etrusca “Felsina” fu invasa nel 1° secolo a.C. dai Galli Boi, i quali, cacciati a loro volta dai Romani, andarono a stabilirsi in Boemia. La Bononia Romana cadde sotto i colpi dei Barbari e si risollevò soltanto nel 12° sec. A quelle date Bologna ha un governo indipendente e dopo la vittoria dei guelfi sui ghibellini vede un periodo di fioritura di tutte le arti. Gli studi fioriscono:l’università, fondata nel 425, contava nel 13° sec. già 10.000 studenti. Si costruiscono mura, torri, palazzi, chiese; alcune famiglie si distinguono dalle altre, quali i Visconti, i Pepoli e soprattutto, dopo il 1400, i Bentivoglio, che aprono Bologna al Rinascimento toscano. Dal 1516 fino alla rivoluzione francese Bologna resterà sotto il governo papale. Il cuore di Bologna resta sempre il complesso formato dalla piazza Maggiore e dalla contigua piazza del Nettuno, in cui si trovano anche alcuni dei monumenti più significativi : il “Palazzo comunale“, il “Palazzo del podestà“, la “Fontana del Nettuno” e la “Basilica di S. Petronio“, splendidi esempi di architettura e storia della città. Di tutte le torri che spiccavano un tempo ci rimangono ben in vista le famose e centralissime torri degli “Asinelli” e della “Garisenda”, imponenti testimonianze del passato. Ma visitare Bologna non significa solo monumenti, per quanto importanti, vuol dire anche passeggiare sotto i suoi portici, vivere l’allegria degli universitari in via Zamboni, andare nei numerosi musei e soprattutto fermarsi a gustare le specialità del posto in un ristorantino o in un’osteria del centro, con i tortellini fatti ancora a mano dalle “sfogline”, o i ravioli o il ragù bolognese e i dolci fatti in casa, in un’atmosfera ricercata e bohémienne allo stesso tempo.

Torri Dei Asinelli
Torri Dei Asinelli
Fontana di Nettuno
Fontana di Nettuno
Chiesa di Santo Stefano
Chiesa di Santo Stefano
Basilica di San Luca
Basilica di San Luca
Archiginnasio
Archiginnasio
ravenna

Città imperiale, la Bisanzio dell’Occidente, avvolta in una atmosfera di nostalgico incanto, conserva le più belle e più ricche testimonianze d’arte cristiana primitiva. I suoi mosaici valgono da soli il viaggio.

Le origini di Ravenna si perdono nella notte dei tempi. Dionigi d’Alicarnasso dice che la città fu fondata sette generazioni prima della guerra di Troia, ma in realtà noi nulla sappiamo di sicuro, come pure nulla conosciamo dei suoi primi abitanti, anche se Stradone li ritiene di stirpe ellenica, provenienti più precisamente dalla Tessaglia. Nel 402, Onorio, abbandonando Roma fece di Ravenna la capitale dell’Impero Romano. Galla Placidia, donna a un tempo pia e avventurosa, di fulgida bellezza, governò fastosamente ma imprudentemente, l’impero d’Occidente, al posto del figlio Valentiniano. Il dilagare delle invasioni barbariche portò i re goti, Odoacre e Teodorico,quest’ultimo convertito al cristianesimo, che abbellirono la città. Poi Ravenna fu conquistata da Bisanzio nel 540. e fu ricolmata di favori dall’imperatore Giustiniano e dalla imperatrice Teodora. In quell’epoca il Cristianesimo vi si sviluppò rapidamente: tra i tanti episodi rilevanti il martirio di Sant’Apollinare. I mosaici costituiscono la più bella raccolta d’Europa, prima di quelle di Costantinopoli, Palermo e Venezia. La loro sinfonia di colori è stata evocata anche da Dante, di cui proprio a Ravenna troviamo la tomba. Luminosità, armonia, vivacità delle tinte, il ritmo decorativo del disegno ci riportano le immagini come antiche fotografie che raccontano una storia esotica… Il loro spirito è allo stesso tempo realistico e mistico, con un contenuto simbolico: colombe che bevono alla fontana della vita, pavoni che simboleggiano l’immortalità… Oggi, la scuola dei mosaicisti di Ravenna è l’erede delle tradizioni bizantine. Tra i tantissimi monumenti ricordiamo il “Mausoleo di Galla Placidia“, la “chiesa di S. Vitale“, la basilica di “S. Apollinare Nuovo“, il “sepolcro di Dante“. Visitare Ravenna è come fare un salto nella storia bizantina e dei primi cristiani, e immergersi in un’atmosfera che ci parla di ori, tesori, santi e martiri attraverso una serie di immagini e architetture impossibili da dimenticare.

Sant'Apollinare in Classe
Sant'Apollinare in Classe
Chiesa di San Vitale
Chiesa di San Vitale
Mausoleo di Galla Placidia
Mausoleo di Galla Placidia
Mausoleo di Teodorico
Mausoleo di Teodorico
Mirabilandia
Mirabilandia

contatti

Scrivi Un Messaggio

Per Maggiori Informazioni Scrivi Un Messaggio Qui

contattaci

&

Per Maggiori Informazioni Inviate Un’E-mail o Chiamateci!

Str. Valletta, 33
44048 Traghetto FE
Italia

Seguici